2 commenti

I Giorni della Vendemmia: un piccolo capolavoro indipendente

Recensione I Giorni Della Vendemmia di Marco Righi

Nel settembre torrido del 1984, Elia vive con i genitori nella campagna emiliana, nota per la commistione di cattolicesimo e socialismo nostrano. William, il padre, ha una forte inclinazione ideologica al marxismo mentre la madre Maddalena è una fervente cattolica. Il tempo è quello della vendemmia, e ad aiutare nel vigneto di famiglia arriva la nipote di una coppia di compaesani: Emilia. Presuntuosa e disinvolta, Emilia è una rivoluzione nella quotidianità provinciale di Elia.

Opera prima di Marco Righi, I giorni della vendemmia è una sorpresa graditissima e inaspettata: racconto di un’esperienza di fine estate che non può che ricordarci per ambientazioni, atmosfere, fotografia, tempistiche di un certo Bernardo Bertolucci, come ad esempio in Io ballo da sola.

Dietro questo ritratto della campagna emiliana, che sa quasi di atemporale anche se contestualizzato storicamente negli anni ottanta, c’è senza dubbio grande gusto estetico e anche coscienza e conoscienza di certi meccanismi della società e cultura italiana.
Gli attori sono perfettamente in parte e credibili nei loro ruoli, in particolare protagonista maschile e coprotagonista femminile, ma anche i personaggi secondari restituiscono un aspetto corale riuscito alla famiglia descritta. Il bello dei personaggi de I giorni della vendemmia è che vivono di vita propria, non vengono indotti dalla narrazione o da qualche deus ex machina a compiere determinate azioni: hanno il loro tempo, puoi sentirli vivere, respirare, agire naturalmente nel loro contesto, spazio e tempo. Questo modo di trattare in modo naturale, senza forzarli, la psicologia dei personaggi ricorda la delicatezza di Truffaut ne Le Due Inglesi e nel suo cinema in generale.
Fotografia e regia danno l’impressione di essere dinnanzi a dei quadri dai tratti a volte manieristi, a volte un po’ decadenti, in un’atmosfera sospesa e imperturbabile che ricorda i macchiaioli e l’opera fotografica di Ghirri, alla quale l’autore si è apertamente ispirato.
Pur essendo tutto questo, I giorni della vendemmia riesce ad essere un film non pretenzioso e si può tranquillamente affermare che, nonostante il low budget, non manca nulla alla sua completezza. Pur tramite il filtro di una gradevole trasfigurazione estetica, che ci aiuta ad entrare nell’ottica di un racconto ambientato nel passato, si racconta infatti una storia del tutto realistica, con i piedi ben piantati a terra e con le radici nella realtà quotidiana, cosa che non presuppone necessariamente l’utilizzo di grandi mezzi e di lunghi periodi di riprese: la fattura del film è ancora più apprezzabile quando si scopre che è stato girato in soli quattordici giorni e senza alcun aiuto dal finanziamento pubblico. Molto belle e suggestive sono anche le musiche (Roberto Rabitti), che restituiscono il senso di intimità delle immagini e degli eventi narrati.
Come altri film indipendenti I giorni della vendemmia ha avuto innanzi a sè un lungo percorso in cui è stato selezionato ed ha vinto in diversi festival, in Italia e nel mondo, poi è stato distribuito nella primavera 2012 in maniera indipendente, prima in Emilia Romagna, poi in varie parti d’Italia, infine ha continuato a essere scelto in molte rassegne cinematografiche anche nel 2013.

I giorni della vendemmia è disponibile in dvd: I Giorni Della Vendemmia su Amazon

About these ads

2 commenti su “I Giorni della Vendemmia: un piccolo capolavoro indipendente

  1. Bene, molto ben scritto ! interessante …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 243 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: