4 commenti

Le nevi del kilimangiaro: La nostra generazione ha fatto veramente schifo (?)

Michel, non più molto giovane, si ritrova senza lavoro e lo stesso altri diciannove operai di un cantiere navale nel sud della Francia. Il colmo è che Michel è anche sindacalista e che è stato lui stesso, in un modo o nell’altro, a determinare ciò. Come dirlo alla propria moglie? E alla numerosa famiglia? Nessun problema: dopo tutto può godere della cassa integrazione e a breve andrà in pensione. Inoltre amici e parenti si sono prodigati in un regalo meraviglioso: un cofanetto pieno di banconote, ma soprattutto contenente due biglietti per un viaggio in Tanzania, alle pendici del Kilimangiaro. Una possibilità di evasione dopo una vita di lavoro, sacrifici, un ringraziamento per le lotte sindacali portate a termine, per i diritti ottenuti. Ben presto però i coniugi vengono derubati di tutto, proprio quando Michel si era abituato all’idea di partire. Un sogno in frantumi e tanta rabbia, che si trasformerà in senso di colpa quando il protagonista si renderà conto che il ladro che ha denunciato è uno dei diciannove operai di cui ha provocato il licenziamento: un giovane con due fratellini a carico, che con i soldi rubati ci ha pagato l’affitto arretrato e ci ha fatto la spesa. Tutto ciò stride fortemente con quanto un immaginario superficiale e giustizialista solitamente induca a pensare. Questa situazione induce Michel a mantenere un atteggiamento paternalistico nei confronti del ragazzo, che però ha tutt’altre parole per lui. Il ladro-operaio faceva parte anch’egli del sindacato, si chiama Christophe e, in poche parole, dà a Michel dell’incompente e obsoleto per le scelte operate, proponendogli valide alternative, ma soprattutto dandogli del “borghese”. Michel, ferito da quest’ultima provocazione, reagisce davvero come un “borghese piccolo piccolo”, ovvero con un ceffone.
Nonostante si alternino momenti di forte tensione e momenti di distensione, le analogie con “Un borghese piccolo piccolo” sono più d’una. In entrambi i casi abbiamo uno scontro generazionale: un giovane contro un anziano, due mondi a confronto che sono il fulcro di due epoche che si danno il cambio. I “vecchi”, ovvero sia Michel, nel suddetto film, che Alberto Sordi nel Borghese mettono a punto indagini fai-da-te dopo il torto subito, un atto che denota sfiducia nella giustizia istituzionale e che risulta incoerente con l’etica di un’intera vita. Nel tragico e denunciatorio film di Monicelli addirittura si arriva a imporre autonomamente una pena, quale la tortura, al colpevole. In quel caso però non c’era in ballo solo una questione economica bensì la perdita di un figlio e la conseguente malattia della moglie.

Ne Le nevi del kilimangiaro una posizione simile viene sostenuta infatti dall’amico di Michel, la cui moglie è rimasta brutalmente sotto shock dalla rapina, alla quale erano presente e che sembra averle provocato un brutto colpo nervoso. Michel invece, giunto a conclusione che la sua personale perdita è di gran lunga inferiore alle conseguenze che la sua denuncia ha irrimediabilmente comportato sia sul giovane (anni e anni di carcere) sia sui fratellini di lui (che non si sa a che destino andranno incontro), ripudia ogni traccia di vendetta personale. La linea del gioco tra carnefice e vittima pare essere insomma più sottile di quanto sembra, come ci insegna anche Polanski in Carnage e ne Il coltello nell’acqua. Tra l’altro Christopher si è fatto fregare da un complice, che ha guadagnato praticamente la maggior parte del malloppo: non un così grande criminale da mettere sulla gogna, in fin dei conti. Lentamente emerge il concetto che la colpa non sia nè del ragazzo nè di Michel, bensì di una società malata che pone le singole persone del tutto da sole dinnanzi a situazioni disperate e quasi senza via d’uscita. Apprezzabile e per niente semplice scelta di mostrare le cose quali frutto non di un’unica causa, o generazione malandata, bensì di più fattori, quali la famiglia, il contesto storico, la condizione economica. Un concetto tipicamente naturalista ma non per questo non attuale e veritiero: infatti la pellicola è liberamente ispirata al poema di Victor Hugo Les pauvres gens. Una serie di passaggi eccessivamente positivi e stile “take-it-easy” nello sviluppo del film, direi sicuramente di ascendenza romantica, mi sono parsi un po’ inverosimili, soprattutto se messi a confronto con un contesto, fotografia, dialoghi e recitazione estramente naturali e ben riusciti.  Le nevi del kilimangiaro sono una sorta di chimera irraggiungibile, anche se per un attimo più vicina, dal mare della Costa Azzurra e dalle aspettative di una coppia anziana, che si accontenta. Alla fine però il dramma, soprattutto quello sociale, di questo vive: qualcosa va bene, qualcosa va male, commedia e tragedia, si fondono nel tentativo di dipingere la vita, vera com’è.

4 commenti su “Le nevi del kilimangiaro: La nostra generazione ha fatto veramente schifo (?)

  1. Non so se la reazione del borghese piccolo piccolo del film monicelliano (che poi è tratto anche in questo caso da un romanzo, di Vincenzo Cerami) abbia la stessa radice. Io nel ceffone di questo film ho visto, in qualche modo, solo un umanissimo, per quanto ingiustificabile, moto di rabbia, più che un’architettata strategia di vendetta. Trasecolo per il comportamento della polizia di Marsiglia! Di quel lavoro di Monicelli, ho ricordi molto lontani e tendo a sovrapporre i ricordi del romanzo: problemi dell’età, ahimé! : (

  2. Tranquilla, questo blog nasce appositamente per discutere🙂 Lo so che può fare impressione paragonare i due gesti e che il borghese piccolo piccolo è un film molto forte, però vedi che nelle parole dell’amico di Michel ci sono le stesse cose che fa Sordi: desiderio di vendetta, di torturare etc in seguito a una possibile perdita della moglie? Hai ragione, in un certo senso, il paragone più adatto è con l’amico e non con Michel, che ha una perdita tale che la vendetta non può generarsi. Comunque io credo che senso di vendetta lo proviamo un po’ tutti, solo che c’è chi si reprime di più o di meno… non che sia giusto per carità!

  3. Sono d’accordo che non è giusto vendicarsi. Per questo mi ha sbalordita il comportamento della polizia francese, che mettendo vittima e aggressore uno di fronte all’altro, non può che scatenare certe reazioni, proprio perché sono reazioni umane. Qui, non ho mai visto che ciò accada istituzionalmente (magari c’è di peggio!)

  4. Sì, hai ragione. Così è come buttare benzina sul fuoco, invece che spegnerlo! Comunque non intendevo denigrare il personaggio di Michel🙂 che è molto positivo e umano nei suoi sensi di colpa , un buon esempio, tutto il contrario di quello di quello Sordi, che è un personaggio fatto apposta per suscitare, giustamente, orrore per la violenza, un po’ come Alex di Arancia Meccanica, l’inutilità della violenza!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: