8 commenti

Il Conformista: l’ossessione dell’adattamento attraverso gli occhi di Bertolucci

[Quest’articolo partecipa al contest della Mostra Internazionale del Cinema di Pesaro, un’iniziativa diretta a tutti i blogger realizzata per omaggiare i vari ospiti che negli anni sono stati presenti all’evento. Per votare il mio articolo, è sufficiente chiedere l’amicizia alla pagina ufficiale di Facebook del festival (che l’accetterà dopo breve tempo) e cliccare mi piace sul post di questo articolo. Potete votare fino a martedì 8 in mattinata. Ringrazio tutti in anticipo🙂 ]

Marcello (J. Trintignant) è un uomo come tanti. Oppure il contrario: Marcello non è un uomo come tanti, o almeno non ci si sente affatto. Chi non si è mai sentito “diverso” nel corso della propria esistenza? Questa è l’ossessione che Marcello Clerici deve fronteggiare ogni giorno, in un perpetuo movimento di continuo “perfezionamento” e adeguamento agli altri. Un movimento che è seguito, passo dopo passo, dalle suggestive carrellate di Bertolucci, le quali hanno qui la possibilità di dispiegarsi lungo le vie parigine, oltre che lungo i freddi marmi dell’Eur e, soprattutto, lungo le vie di una memoria che non concede tregua al protagonista, imponendosi con veemenza. L’intreccio narrativo del film è dunque disseminato da momenti del passato, proprio quelli che il protagonista vorrebbe nascondere a tutti e non confessare mai per nessun motivo. Dall’altra parte, nel contempo, vediamo Marcello adeguarsi alla perfezione ai dettami del fascismo, divenendo addirittura una spia e arrivando a uccidere con freddezza: qualsiasi cosa, a qualunque “prezzo” (anche umano), pur di non far sospettare a nessuno del suo personale “sporco sotto al tappeto”, ovvero della sua differenza sessuale: lui deve sembrare forte, tutto d’un pezzo, impassibile, come la società fascista dipinge i propri camerati… e il resto? Il resto non conta. Non conta la fine che farà la sua amante o il sue ex-professore, non conta la disperazione di suo padre, non ha mai contato Giulia, sua moglie (S. Sandrelli), più una copertura e un dovere che una passione da vivere. Pur Basandosi sull’omonimo romanzo di Moravia, Bernardo Bertolucci, che è sceneggiatore oltre che magistrale regista della pellicola, interviene fortemente sull’originale, arrivando anche ad aggiungere un personaggio, quello dell’amico cieco Italo, e, soprattutto, a cambiare il finale rendendolo ancora più significativo e in linea con il personaggio. Nessuna casuale morte punitiva giunge a far giustizia, una volta che l’Italia è stata liberata, a differenza di ciò che accade nel libro. Amara è comunque la triste sorte che spetta al conformista quando viene scoperto, la peggiore per quelli come lui: la minaccia dell’isolamento. Ancora più amara è la conferma dell’impossibilità di uccidere e asportare chirurgicamente il proprio passato, che, seppur eliminato sotto le spoglie del vecchio, torna a presentarsi sotto forme più giovani e ancora più pericolose per la (tanto agognata dal conformista) “normalità”.

8 commenti su “Il Conformista: l’ossessione dell’adattamento attraverso gli occhi di Bertolucci

  1. L’amara storia di Moravia è rinarrata in modo eccellente da Bertolucci, uno dei pochi registi da non dimenticare. La recensione di Laulilla rende perfettamente, a mio avviso, il senso e il significato del film.

  2. Bellissima recensione! Tra l’altro non ho mai visto questo film di Bertolucci e ora sono MOLTO curiosa. Vedo se riesco a recuperarlo.
    Ho chiesto l’amicizia alla pagina fb del festival… appena mi accettano voto il tuo articolo.
    Un abbraccio!🙂

    • E’ un film molto particolare, a tratti trasognato e surreale. Senza dubbio Bertolucci è un regista dotato di grande stile e anche Novecento è bellissimo, se non l’hai visto.

      Non so come ringraziarti per l’appoggio. Sei gentilissima, ancora più del solito!

      Un abbraccio forte anche a te🙂

      • Novecento non l’ho visto, ma ne ho sentito parlare (è molto lungo, per caso?). Urca, quanti titoli da segnare!:mrgreen:

        Di niente, non preoccuparti! Meriti appoggio e supporto.
        “Non ti curar di loro ma guarda e passa”… solita citazione ripetuta un po’ dappertutto, ma in questo caso ci sta. Non ti preoccupare: qualcuno vuole solo farti perdere le staffe. Non dargli soddisfazione.😉
        Ciao!

      • Sì, Novecento è un po’ lunghetto però ne vale la pena, quando avrai tempo ovviamente.
        Grazie ancora di tutto🙂
        Ciao!

  3. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  4. bellissima recensione! Anch’io ne ho scritta una che mette in confronto film e romanzo ma non l’ho mai pubblicata perché vorrei farlo in occasione di una monografia futura su Bertolucci..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: